Almanacco del Giorno Inizia la Primavera di Praga - Almanacco
Voce dell'Almanacco del 5 gennaio, per la rubrica 'Accadde Oggi'. Evento avvenuto 49 anni fa. Alla guida del Partito Comunista venne eletto il "liberale" Dubček e, per quasi otto mesi, l'allora Cecoslovacchia (che nel 1993...

Accadde Oggi

Inizia la Primavera di Praga


venerdì 5 gennaio 1968 (49 anni fa)

Approfondimenti
Praga 1968
Filmato
Inizia la Primavera di Praga: Alla guida del Partito Comunista venne eletto il "liberale" Dubček e, per quasi otto mesi, l'allora Cecoslovacchia (che nel 1993 si dividerà poi in due, nelle odierne Repubblica Ceca e Slovacchia) visse una stagione di "riformismo illuminato", che le cronache storiche identificarono con l'espressione Primavera di Praga. Una parentesi felice che, seppur breve, lasciò un'impronta indelebile nelle giovani generazioni di allora e un mirabile esempio di lotta per la libertà in quelle successive.

Il malcontento dei cittadini, che avevano visto la loro patria passare dalla condizione di nazione tra le più progredite, prima della Seconda guerra mondiale, a quella di un paese stanco e impoverito da vent'anni di regime comunista, era ormai incontenibile. Rispetto a tale scenario, all'interno del Partito Comunista Cecoslovacco (l'unico ammesso a governare) si allargava il fronte di coloro che giudicavano ineludibile un'azione riformatrice in senso democratico, che in nome di un «socialismo dal volto umano» si distaccasse dalla rigida applicazione del modello sovietico.

In questo clima maturò l'elezione a segretario generale del PCC di Alexander Dubček, espressione dell'ala più liberale del partito, che prese il posto di Antonin Novotny, fedelissimo di Mosca. Dubcek, che aveva combattuto tra le file della resistenza comunista contro i nazisti, si circondò di intellettuali e politici riformatori con i quali inaugurò un nuovo corso politico.

Pur mantenendo il paese nell'orbita di influenza sovietica, introdusse importanti cambiamenti nella struttura politica, che di fatto rovesciavano i principi cardine del vecchio regime. In primis pose fine alla logica dispotica del partito unico, ammettendo l'esistenza di forze politiche non alleate al PCC; in secondo luogo favorì la libertà di stampa e di espressione, rispondendo alle istanze dei circoli culturali e studenteschi.

La maggioranza dei cittadini appoggiò l'ondata liberalizzatrice e ciò mise in allarme il governo di Mosca, preoccupato delle ripercussioni che potevano verificarsi negli altri contesti del cosiddetto Blocco sovietico, tenuto assieme dal Patto di Varsavia (1955). In base all'alleanza i firmatari si promettevano reciproco sostegno in caso di aggressione. La sua vera natura emerse in quella fase delicata: secondo l'interpretazione di Leonid Brežnev (segretario del PCUS), l'allontanamento dal socialismo verso posizioni capitalistiche costituiva di per sé un pericolo per le altre forze del Patto e, implicitamente, giustificava un intervento militare.

Ribattezzata in seguito dottrina Brežnev, questa posizione ispirò la reazione repressiva dell'Unione Sovietica, che nella notte tra il 20 e il 21 agosto occupò militarmente Praga. La mattina dopo migliaia di persone scesero in strada a protestare, circondando i carri armati e invitando i soldati ad unirsi a loro. Seguirono giorni di violenti scontri con decine di morti e con 300mila cecoslovacchi che scelsero di abbandonare il paese.

Sedata la rivolta, fu ripristinato il vecchio regime blindato dall'occupazione militare che ebbe termine soltanto alla fine degli anni Ottanta. La caduta del muro di Berlino e la conseguente dissoluzione dell’URSS favorirono il rovesciamento del regime comunista (ricordata come Rivoluzione di velluto, per il carattere non violento) e l'indizione delle prime elezioni democratiche, nel giugno del 1990, con Dubček che fu chiamato a presiedere l'assemblea federale.

Fonte d'ispirazione per le contestazioni giovanili del Sessantotto, la Primavera di Praga fu celebrata nel mondo dell'arte sotto diverse forme, dalla musica alla letteratura. Su tutti, il celebre romanzo di Milan Kundera: L'insostenibile leggerezza dell'essere (1984).

Vedi Anche
Altre voci del 5 gennaio: Biografia: Umberto Eco; Biografia: Christian De Sica; Biografia: Carmine Abbagnale; Biografia: Giuseppe Gibilisco; Oceano Mare

{!} inserisci il box Almanacco nel tuo sito o nel tuo blog

Pagine Utili
Santi e eventi 5 gennaio
Eventi anno 1968

Android app su Google Play

 
Mondi.it: Almanacco © 2012-2017 Prometheo App Android Informativa Privacy - Avvertenze