Almanacco del Giorno Il barone rampante - Almanacco
Voce dell'Almanacco del 10 novembre, per la rubrica 'Angolo Lettura'. Evento avvenuto 4 anni fa. Questa settimana consigliamo la lettura, o rilettura, del romanzo "Il barone rampante", scritto da Italo Calvino nel 1957. Il...

Angolo Lettura

Il barone rampante


domenica 10 novembre 2013 (4 anni fa)

Il barone rampante: Questa settimana consigliamo la lettura, o rilettura, del romanzo "Il barone rampante", scritto da Italo Calvino nel 1957. Il protagonista è il barone Cosimo di Rondò, che a 12 anni, stanco delle costrizioni e delle regole, decide di andare a vivere sugli alberi e non scendere mai più. Cosimo si adatta a questa realtà bizzarra e vive numerose avventure: lotta contro i briganti, conosce e si innamora di dame eleganti, legge numerosi libri.

Un romanzo che ha infranto le barriere del tempo, una storia capace di sedurre generazioni, un libro che si presta a diversi strati interpretativi.

Di seguito un breve brano del libro: «Cosimo tutti i giorni era sul frassino a guardare il prato come se in esso potesse leggere qualcosa che da tempo lo struggeva dentro: l’idea stessa della lontananza, dell’incolmabilità, dell’attesa che può prolungarsi oltre la vita. Un giorno Cosimo guardava dal frassino. Brillò il sole, un raggio corse sul prato che da verde pisello diventò verde smeraldo. Laggiù nel nero del bosco di querce qualche fronda si mosse e ne balzò un cavallo. Il cavallo aveva in sella un cavaliere, nerovestito, con un mantello, no: una gonna; non era un cavaliere, era un’amazzone, correva a briglia sciolta ed era bionda. A Cosimo cominciò a battere il cuore e lo prese la speranza che quell’amazzone si sarebbe avvicinata fino a poterla veder bene in viso, e che quel viso si sarebbe rivelato bellissimo. Ma oltre a quest’attesa del suo avvicinarsi e della sua bellezza c’era una terza attesa, un terzo ramo di speranza che s’intrecciava agli altri due ed era il desiderio che questa sempre più luminosa bellezza rispondesse a un bisogno di riconoscere un’impressione nota e quasi dimenticata, un ricordo di cui è rimasta solo una linea, un colore e si vorrebbe far riemergere tutto il resto o meglio ritrovarlo in qualcosa di presente. E con quest’animo non vedeva l’ora che ella s’avvicinasse al margine del prato vicino a lui, dove torreggiavano i due pilastri dei leoni; ma quest’attesa cominciò a diventare dolorosa, perché s’era accorto che l’amazzone non tagliava il prato in linea retta verso i leoni, ma diagonalmente, cosicché sarebbe presto scomparsa di nuovo nel bosco. Già stava per perderla di vista, quand’ella voltò bruscamente il cavallo e adesso tagliava il prato in un’altra diagonale, che gliel’avrebbe portata certo un po’ più vicina, ma l’avrebbe ugualmente fatta scomparire dalla parte opposta del prato. In quel mentre Cosimo s’avvide con fastidio che dal bosco erano sbucati sul prato due cavalli marrone, montati da cavalieri, ma cercò di eliminare subito questo pensiero, decise che quei cavalieri non contavano nulla, bastava vedere come sbatacchiavano qua e là dietro di lei, certo non erano da tenere in nessuna considerazione, eppure, doveva ammettere, gli davano fastidio».

Vedi Anche
Altre voci del 10 novembre: Inaugurata l’Università Bocconi; Trattato di Osimo; Biografia: Ennio Morricone; Biografia: Martin Lutero; Biografia: Mike Powell; Biografia: Vanessa Ferrari; Biografia: Eddie Irvine; Le azzurre del volley solo quinte ai Mondiali; L’Italia è fuori da Euro ‘64

{!} inserisci il box Almanacco nel tuo sito o nel tuo blog

Pagine Utili
Santi e eventi 10 novembre
Eventi anno 2013

Android app su Google Play

 
Mondi.it: Almanacco © 2012-2017 Prometheo App Android Informativa Privacy - Avvertenze