Almanacco del Giorno Ippopotamo comune - Almanacco
Voce dell'Almanacco del 20 novembre, per la rubrica 'Il Mondo degli Animali'. Evento avvenuto 3 anni fa. L'ippopotamo comune, nome scientifico Hippopotamus amphibius, è un mammifero appartenente alla famiglia degli Hippopotamidae. ...

Il Mondo degli Animali

Ippopotamo comune


mercoledì 20 novembre 2013 (3 anni fa)

Ippopotamo comune: L'ippopotamo comune, nome scientifico Hippopotamus amphibius, è un mammifero appartenente alla famiglia degli Hippopotamidae.

L'ippopotamo ha un aspetto imponente e piuttosto buffo, il corpo è tozzo e allungato, quasi un cilindro, le zampe e la coda sono corte. La testa è molto grossa. Occhi, narici e orecchie sono posizionati nella parte superiore della testa, in questo modo l'animale può immergersi quasi completamente nell'acqua. E' provvisto di zanne, infatti, i canini e gli incisivi possono raggiungere un metro di lunghezza e pesare fino a tre chili. Ha una pelle molto spessa che secerne un liquido oleoso e rossastro, questo fluido ha il compito di proteggere la cute dal sole e dalle punture degli insetti.

L'ippopotamo vive principalmente in alcuni paesi dell'Africa Orientale quali Kenya, Mozambico, Uganda, Tanzania e Zambia. E' un animale notturno che vive in prossimità di fiumi, laghi e paludi. Si nutre di graminacee, può percorrere anche diversi chilometri per trovare cibo.

Il nome ippopotamo proviene dal greco "ἱπποπόταμος", composto da "ippos" (cioè cavallo) e "potamos" (cioè fiume), ovvero "cavallo di fiume". Le popolazioni africane chiamano questo mammifero "Gamhus el Behr" ossia "bufalo di fiume".
Nela mitologia egiziana "Taueret", dea della fertilità e protettrice della gravidanza, del parto e dell'allattamento, aveva il corpo di una femmina di ippopotamo.

Una curiosità è che questo mammifero trascorre fino a sedici ore al giorno immerso nell'acqua dei laghi e dei fiumi, in questo modo mantiene l'enorme massa corporea al fresco e protegge la delicata pelle dal sole. Può restare sott'acqua, chiudendo narici e orecchie, anche per trenta minuti, inoltre, è un agile nuotatore. Se in pericolo, a differenza di quanto si pensi, può anche correre raggiungendo i 30 chilometri orari.

Purtroppo sono solo due le specie di ippopotamo non estinte: l'ippopotamo comune e l'ippopotamo pigmeo, anche lui africano ma più piccolo di quello comune e meno amante dell'acqua. Attualmente entrambe le specie di ippopotamo sono considerate vulnerabili, cioè prossime al rischio di estinzione, a causa della caccia dei bracconieri.

Vedi Anche
Altre voci del 20 novembre: La Giornata internazionale per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza; Inizia il processo di Norimberga; Microsoft lancia la prima versione di Windows; Biografia: Bob Kennedy; Biografia: Angela Finocchiaro; Biografia: Mario Martone; Biografia: Kristian Ghedina; Biografia: Pierpaolo Bisoli; Biografia: Eduardo Vargas; Mondiali di ritmica di Bruxelles 1992

{!} inserisci il box Almanacco nel tuo sito o nel tuo blog

Pagine Utili
Santi e eventi 20 novembre
Eventi anno 2013

Android app su Google Play

 
Mondi.it: Almanacco © 2012-2017 Prometheo App Android Informativa Privacy - Avvertenze