Almanacco del Giorno Inaugurato il traforo del Gran San Bernardo - Almanacco
Voce dell'Almanacco del 19 marzo, per la rubrica 'Accadde Oggi'. Evento avvenuto 53 anni fa. Una delle prime grandi opere del miracolo italiano fu la galleria di quasi 6 km che metteva in collegamento la Valle d'Aosta con il cantone...

Accadde Oggi

Inaugurato il traforo del Gran San Bernardo


giovedì 19 marzo 1964 (53 anni fa)

Inaugurato il traforo del Gran San Bernardo: Una delle prime grandi opere del miracolo italiano fu la galleria di quasi 6 km che metteva in collegamento la Valle d'Aosta con il cantone svizzero del Vallese. Il primo traforo autostradale attraverso la barriera alpina aprì un fondamentale varco verso l'Europa.

In pieno boom economico, l'Italia aveva iniziato dalla fine degli anni Cinquanta un'ampia serie di interventi infrastrutturali, atti a potenziare la rete di collegamenti tra Nord e Sud e con il centro Europa. In particolare, si puntò a migliorare le vie di comunicazione con la Svizzera, fino a quel momento concentrate per lo più sulle gallerie ferroviarie del San Gottardo e del Sempione, inaugurate rispettivamente nel 1882 e nel 1906.

I governi delle due nazioni confinanti raggiunsero un accordo per aprire un passaggio nel versante valdostano delle Alpi, nello specifico attraverso il valico del Gran San Bernardo. Il progetto prevedeva la realizzazione di un tunnel autostradale lungo 5.798 metri, che metteva in collegamento i comuni di Saint-Rhémy-en-Bosses (distante 20 chilometri da Aosta) e di Bourg-Saint-Pierre, nella Svizzera vallese.

I lavori, affidati all'ingegnere piemontese Giorgio Dardanelli (figura storica dell'urbanistica di quegli anni), partirono nel 1958 e furono portati a termine sei anni dopo. Nel corso degli stessi rimase impresso nella memoria l'incontro tra le due squadre di minatori impegnate nell'opera: il 5 aprile del 1963, caduta l'ultima parete di roccia, italiani e svizzeri s'incontrarono a metà strada, nel cuore della montagna.

Esattamente un anno dopo, la mattina di giovedì 19 marzo, il tunnel del Gran San Bernardo fu inaugurato alla presenza delle massime autorità italiane ed elvetiche. Si trattava del primo traforo stradale alpino (il secondo fu il Traforo del Monte Bianco, completato nel 1965), rivestito da uno spesso strato di cemento armato e strutturato in un'unica carreggiata, con due corsie di marcia a doppio senso. I veicoli che vi transitavano erano tenuti al pagamento di un pedaggio, calcolato in base alle diverse tipologie.

Nei decenni successivi emersero diverse criticità in merito all'affidabilità dei trafori alpini, in generale e solo dopo la tragedia dell'incendio scoppiato nel 1999 all'interno della galleria del Monte Bianco (che causò la morte di 39 persone), si adottarono misure di sicurezza più stringenti, avviando la realizzazione di una "galleria di servizio e sicurezza" e garantendo un migliore addestramento del personale di soccorso.

Rimasta negli anni una cruciale via di comunicazione con l'Europa, il traforo del Gran San Bernardo festeggiò, il 25 giugno del 2010, uno storico traguardo: il transito del 25.000.000° utente, premiato con il pedaggio gratuito e un cesto di prodotti tipici delle due sponde alpine, insieme con il 24.999.999° e il 25.000.001°. In quell'occasione si fece un bilancio complessivo di 46 anni di attività, evidenziando che in quest'arco di tempo avevano imboccato il tunnel oltre 22 milioni di auto e più di 2 milioni di camion.

Vedi Anche
Rimandi: Almanacco Italia
Altre voci del 19 marzo: La Festa del Papà; Don Giuseppe Diana ucciso dalla camorra; Biografia: Pino Daniele; Biografia: Bruce Willis; Biografia: Claudio Bisio; Biografia: Alessandro Nesta; Biografia: Carlo Mazzone; Petacchi vince la Milano-Sanremo; Doodle: Inaugurazione del Sydney Harbour Bridge; Scimmia dalla faccia bianca

{!} inserisci il box Almanacco nel tuo sito o nel tuo blog

Pagine Utili
Santi e eventi 19 marzo
Eventi anno 1964

Android app su Google Play

 
Mondi.it: Almanacco © 2012-2017 Prometheo App Android Informativa Privacy - Avvertenze