Almanacco del Giorno Posta la prima pietra per il Palazzo di Westminster - Almanacco
Voce dell'Almanacco del 27 aprile, per la rubrica 'Accadde Oggi'. Evento avvenuto 177 anni fa. La casa del più antico parlamento della storia ha avuto due diverse vite sulla riva settentrionale del Tamigi. La prima finì...

Accadde Oggi

Posta la prima pietra per il Palazzo di Westminster


lunedì 27 aprile 1840 (177 anni fa)

Posta la prima pietra per il Palazzo di Westminster: La casa del più antico parlamento della storia ha avuto due diverse vite sulla riva settentrionale del Tamigi. La prima finì con un incendio che la distrusse quasi completamente. La seconda iniziò a pochi anni di distanza da quell'evento funesto e la vide assumere quell'aspetto inconfondibile che insieme con il "grande Ben" è ancora oggi il simbolo di Londra.

Fin dall'anno Mille nelle acque del Tamigi si era specchiata una costruzione destinata alle massime istituzioni del regno d'Inghilterra. Residenza reale dai tempi di re Canuto il Grande, il Palazzo di Westminster (nome ripreso dalla celebre abbazia, formato dall'unione delle parole west, "occidente", e minster, "monastero", quindi "monastero occidentale"), iniziò ad ospitare il Parlamento inglese fin dalla sua nascita (il cosiddetto Model Parliament), nel lontano 1295.

Di dimensioni molto più ridotte rispetto a quelle che ha attualmente, l'antico edificio era comunque considerato una fortezza inespugnabile, che aveva superato indenne diversi tentativi di distruggerlo. L'episodio rimasto memorabile, per le trasposizioni letterarie e cinematografiche (il film più recente è V per Vendetta del 2005), è quello della Congiura delle polveri, avvenuto nel 1605: un gruppo di estremisti cattolici capeggiato da Guy Fawkes tentò di farlo saltare in aria ma venne scoperto poco prima di mettere in atto il piano.

L'incendio che si scatenò il 16 ottobre 1834 gli fu invece fatale. Le fiamme, originate da una stufa utilizzata per bruciare la corrispondenza, risparmiarono soltanto Westminster Hall, la Jewel Tower, la cripta della cappella di Santo Stefano e il chiostro. Dopo un lungo dibattito condotto all'interno di un'apposita Commissione Reale, incaricata di decidere come e dove ricostruire l'edificio, si stabilì di conservare l'antica collocazione e che la nuova struttura avrebbe dovuto inglobare le parti sopravvissute all'incendio.

Una nuova discussione nacque sullo stile architettonico da adottare. Una parte preferiva lo stile classico, ritenuto più consono al prestigio dell'istituzione parlamentare. Altri invece sostenevano lo stile "gotico", in quanto tratto identitario delle costruzioni cristiane e in particolare della vicina Abbazia di Westminster, da secoli un luogo simbolo della capitale britannica. Prevalse questa seconda ipotesi, in base alla quale venne bandito un concorso.

Tra 97 progetti presentati venne premiato quello dell'architetto Charles Barry, che disegnò un palazzo di quattro piani, articolato in 1.100 stanze, 100 scalinate e 5 km di corridoi. All'esterno risaltava la facciata neogotica, nella linea esile e slanciata terminante in una serie di piccole guglie. Un aspetto importante è che nel progetto era previsto che le due camere avessero ognuna una sede propria, riconoscendo di fatto il ruolo principale di casa del Parlamento.

Completavano la struttura tre torri, una di medie dimensioni in posizione centrale, e due più alte poste alle due estremità, rispettivamente a sud la Victoria Tower (chiamata così successivamente in onore della regina Vittoria) e a nord la Torre dell'orologio, poi ribattezzata Big Ben e più recentemente Elizabeth Tower.

Fu la moglie di Barry, Sarah, a presiedere la cerimonia della posa della prima pietra, il 27 aprile 1840. Nel 1847 venne completata la Camera dei Lords, cinque anni dopo la Camera dei Comuni. I lavori terminarono definitivamente nel 1870. I bombardamenti tedeschi della Seconda guerra mondiale distrussero completamente la Camera dei Comuni, per cui si rese necessaria un'opera di restauro completata nel 1950.

Posto sotto egida UNESCO come Patrimonio dell'Umanità, Westminster è oggi uno dei luoghi più visitati di Londra.

Vedi Anche
Rimandi: Almanacco Regno Unito; Almanacco Architettura
Altre voci del 27 aprile: Biografia: Riccardo Iacona; Biografia: Vittorio Cecchi Gori; Biografia: Paolo Pulici; La Lombardi in zona punti in F1; Doodle: Il regista Theo Angelopoulos

{!} inserisci il box Almanacco nel tuo sito o nel tuo blog

Pagine Utili
Santi e eventi 27 aprile

Android app su Google Play

 
Mondi.it: Almanacco © 2012-2017 Prometheo App Android Informativa Privacy - Avvertenze