Almanacco del Giorno Zebra di pianura - Almanacco
Voce dell'Almanacco del 19 giugno, per la rubrica 'Il Mondo degli Animali'. Evento avvenuto 4 anni fa. La "zebra di pianura" o "zebra di Burchell", il cui nome scientifico è Equus quagga, è un mammifero...

Il Mondo degli Animali

Zebra di pianura


mercoledì 19 giugno 2013 (4 anni fa)

Approfondimenti
Zebre di Burchell
Zebra di pianura : La "zebra di pianura" o "zebra di Burchell", il cui nome scientifico è Equus quagga, è un mammifero appartenente alla famiglia degli Equidae. E' la zebra più comune per questo motivo questa specie è identificata anche con l'appellativo zebra comune.

La zebra di Burchell ha un corpo tozzo e zampe corte, può raggiungere i 150 centimetri di altezza e una lunghezza di 250 centimetri. Il peso varia dai 170 ai 380 chili. La caratteristica fisica più evidente delle zebre è il manto a strisce bianche e nere, la forma e la posizione delle strisce caratterizzano in modo univoco ogni individuo. Il muso è nero ed ha una testa lunga e stretta, simile a quella del mulo, la criniera, a strisce, è corta ed è eretta. Essendo un perissodattile (come rinoceronti, tapiri e cavalli) possiede dita dispari, e il peso del corpo è portato interamente dal terzo dito, le dita sono protette dallo zoccolo.

La zebra di pianura è distribuita nelle regioni orientali e meridionali dell'Africa. E' un animale erbivoro e si nutre prevalentemente di germogli, boccioli e foglie.
Le zebre comuni vivono nelle steppe africane con specie diverse quali gnu, struzzi, giraffe e altri animali vegetariani. Questa convivenza è dovuta ad una sorta di collaborazione contro i predatori, infatti, la zebra ha un ottimo olfatto e un ottimo udito ma non ha una buona vista, cosa che è sicuramente compensata dalla giraffa.

I cuccioli di zebra sono in grado di correre e camminare poche ore dopo la nascita, questo è dovuto a un adattamento che si è evoluto per ridurre il rischio di predazione.
Molti scienziati asseriscono che le zebre riescono a mimetizzarsi grazie al manto a strisce. Infatti, i disegni possono depistare la percezione delle distanze e rendere difficile a un predatore l'identificazione di un animale da una mandria in corsa. Inoltre, le strisce potrebbero dissuadere gli insetti, infatti questi ultimi individuano solo grandi aree di pelliccia monocromatica.

In molte zone africane la zebra rappresenta un simbolo di bellezza, per esempio in Uganda, le donne Karamojong (una popolazione pastorale che vive nel nord del paese) si dipingono sul corpo le strisce della zebra e ne imitano le movenze durante le danze. Sullo stemma della Repubblica del Botswana, stato dell'Africa del Sud, ci sono due zebre.

Vedi Anche
Altre voci del 19 giugno: La prima Festa del Papà; Esordio del fumetto Garfield; Congresso USA mette al bando la schiavitù; Biografia: Blaise Pascal; Biografia: Kathleen Turner; Biografia: Anna Valle; Biografia: Francesco Moser; Biografia: Giuseppina Tufano; L’Italia vince il secondo Mondiale di calcio; Prima partita di baseball

{!} inserisci il box Almanacco nel tuo sito o nel tuo blog

Pagine Utili
Santi e eventi 19 giugno
Eventi anno 2013

Android app su Google Play

 
Mondi.it: Almanacco © 2012-2017 Prometheo App Android Informativa Privacy - Avvertenze