Almanacco del Giorno Al cinema Il padrino - Almanacco
Voce dell'Almanacco del 15 marzo, per la rubrica 'Accadde Oggi'. Evento avvenuto 45 anni fa. Sembrava condannato ad allungare la lista dei soliti gangster movie, oggi è invece considerato un film culto del genere e una pietra...

Accadde Oggi

Al cinema Il padrino


mercoledì 15 marzo 1972 (45 anni fa)

Al cinema Il padrino: Sembrava condannato ad allungare la lista dei soliti gangster movie, oggi è invece considerato un film culto del genere e una pietra miliare del cinema. Il padrino fece entrare il fenomeno "mafioso" tra i colossal di Hollywood senza che il termine "mafia" venisse pronunciato una sola volta nella pellicola.

A cavallo tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio dei Settanta il genere gangster non se la passava tanto bene. L'ultimo significativo tentativo di portare sul grande schermo il crimine organizzato si era avuto nel 1968 con La Fratellanza, prodotto e interpretato come protagonista da Kirk Douglas, sotto la regia di Martin Ritt. Un mezzo flop che la Paramount Pictures cercò di mettersi alle spalle, andando alla ricerca di un soggetto efficace.

L'attesa fu ripagata l'anno dopo, quando debuttò nelle librerie statunitensi il romanzo "Il padrino" (titolo originale The Godfather) dello scrittore italoamericano Mario Puzo, fino a quel momento sconosciuto al grande pubblico, pur avendo tre romanzi all'attivo. Il libro ottenne un successo straordinario, vendendo migliaia di copie anche in Europa (in particolare in Inghilterra, Germania, Francia e Italia).

I produttori hollywoodiani si resero conto che era quello che cercavano: non il solito film sulla mafia, tutto pallottole e sangue, bensì il tragico racconto di un'intera famiglia che mostrava le diverse facce di Cosa Nostra e che non poteva esaurirsi in una sola pellicola. Il progetto venne presentato ai grandi nomi della regia dell'epoca, da Sergio Leone a Peter Bogdanovich, ma tutti declinarono l'invito e la scelta allora ricadde sull'emergente Francis Ford Coppola.

A dir la verità nemmeno lui era tanto entusiasta della cosa e alla fine accettò soltanto nella prospettiva di veder finanziata la sua opera in cantiere, La conversazione, con cui puntava a raggiungere la fama. E' curioso notare come nessuno dei protagonisti coinvolti nella realizzazione del film, compreso lo scrittore Puzo (restio sulle prime a curarne la sceneggiatura), avesse creduto da subito nel progetto. Per il casting si ripeté lo stesso scenario e solo dopo il rifiuto del celebre Laurence Olivier (timoroso di intaccare la sua carriera con il ruolo di un mafioso), la parte del protagonista Don Vito Corleone fu affidata a Marlon Brando (già premio Oscar per Fronte del porto).

Accanto a Brando, vennero ingaggiati attori semisconosciuti che con "Il padrino" videro mutare di colpo la loro carriera, entrando nell'olimpo delle star: da Al Pacino (Michael Corleone) a James Caan (Santino), passando per Robert Duvall (Tom Hagen) e Diane Keaton (Kay Adams). Ultimate le riprese in due mesi e mezzo, tra New York e la Sicilia (tra Fiumefreddo e la provincia di Messina), l'opera uscì in anteprima nelle sale della "Grande Mela", il 15 marzo del 1972.

La trama proposta al pubblico era, pur con qualche modifica, la stessa del fortunato romanzo. La storia di Vito Corleone, un immigrato siciliano che con il gioco d'azzardo e il racket sindacale è diventato il capo di una delle cinque famiglie mafiose più potenti di New York. Ispirato dal vecchio codice d'onore di Cosa Nostra, don Vito entra in conflitto con le altre famiglie, per aver rifiutato il proprio sostegno al nuovo mercato della droga. In questa faida vengono coinvolti anche i suoi familiari, in particolare il figlio Michael, da sempre estraneo alle attività criminali del padre e destinato a prenderne il posto.

Gli spettatori ne rimasero conquistati e all'uscita dalle sale non riuscivano a dimenticare le straordinarie musiche firmate da Nino Rota. La critica, sul momento, si divise tra chi apprezzava la nuova lettura del genere gangster e chi invece ci vedeva un'apologia diseducativa del fenomeno mafioso. Qualche anno dopo il giudizio cambiò e fu unanime nel riconoscere nell'opera un capolavoro assoluto della storia del cinema. Non a caso la pellicola portò a casa tre premi Oscar: miglior film, miglior sceneggiatura e migliore attore protagonista, quest'ultimo assegnato a Brando ma da lui non ritirato per protesta contro i maltrattamenti degli Indiani nativi d'America da parte delle istituzioni e del mondo del cinema.

Costato 8,5 milioni di dollari, "Il padrino" ne incassò il primo anno 81 milioni solo negli USA, arrivando a una cifra complessiva di tutti gli incassi internazionali e delle successive ristampe di circa 2 miliardi di dollari. Non raggiunsero le stesse cifre ma ebbero un'accoglienza positiva i due sequel del '74 (Parte II) e del '90 (Parte III), entrambi girati da Coppola.

Vedi Anche
Rimandi: Biografia: Marlon Brando; Biografia: Al Pacino
Altre voci del 15 marzo: Nasce la Rolls Royce; Biografia: Cesare Beccaria; Biografia: Sabrina Salerno; Biografia: Paul Pogba; Biografia: Nino Bibbia; Biografia: Diego Nargiso; Fondata la squadra del Liverpool; Doodle: Festa Nazionale dell'Ungheria

{!} inserisci il box Almanacco nel tuo sito o nel tuo blog

Pagine Utili
Santi e eventi 15 marzo
Eventi anno 1972

Android app su Google Play

 
Mondi.it: Almanacco © 2012-2017 Prometheo App Android Informativa Privacy - Avvertenze